TRACK LIST

1) Come il diamante; 2) Dabadada; 3) Pensiero imperfetto; 4) Ai sciops;
5) Never Mind; 6) Sfere (C.Fasoli); 7) Bonum; 8) Trista luce;
9) Le scorribande di Ben; 10) Come il diamante. The end.
All tunes, except where indicated, composed by Massimo Donà.

Recorded, mixed and mastered between 2018 and 2019 at Blue Train’s Recording Studio,
Mira (Venezia), by Antonio Morgante and Giorgio Spolaor.

MASSIMO DONA’ ENSAMBLE
Iperboliche Distanze (Le parole di Andrea Emo)

Massimo Donà (trumpet, guitar, feet), Michele Polga (tenor and soprano sax), Bebo
Baldan (synth), Maurizio Trionfo (guitars), Marco Ponchiroli (Fender Rhodes),
Stefano Olivato (electric bass), Davide Ragazzoni (drums), David Riondino (voice).
Special guests: Paolo Damiani (cello) on 1/2/3/8, Claudio Fasoli (tenor and soprano sax)
on 3/6/7/8, Michele Calgaro (electric guitar) on 3/7/9, Pasquale Mirra (vibes) on 1/2/8,
Lello Gnesutta (electric bass) on 5, Enrico Rava (flugelhorn) on 2.

listen to IPERBOLICHE DISTANZE on

Apple Music and Spotify

A quattro anni da «Il Santo che vola», il filosofo–trombettista Massimo Donà torna a far parlare di sé con un disco, in mezzo ad innumerevoli libri, che appare forse la sua opera musicale sin qui più articolata e completa ed in cui, come nel lavoro precedente, è molto importante il rapporto fra parole e musica. Lì i testi erano di San Giuseppe da Copertino (il “Santo che vola” appunto, ma anche, in un brano, di Carmelo Bene) ed era sua la voce recitante; qui invece le parole, estratte dai quaderni del filosofo veneto Andrea Emo – che Donà ha il merito di aver portato all’attenzione del mondo filosofico ed a cui ha dedicato in trent’anni molte pubblicazioni – vengono lette con efficacia da David Riondino.
Siamo in presenza di un lavoro avvincente che è soprattutto – come scrive Donà nelle brevi note presenti nel disco – un “viaggio stellare, un’esperienza singolare” cui danno un importante contributo molti talentuosi musicisti, ospiti d’eccezione ma anche nomi meno noti, tutti amici coinvolti dal leader in un progetto che sino al missaggio ed all’editing finali era difficile soltanto immaginare.
Costruito completamente in studio di registrazione, ma  sopra la solida base costituita dal trio con cui Donà ha spesso suonato dal vivo negli ultimi anni, completato dai sassofoni di Michele Polga e dalla batteria di Davide Ragazzoni, «Iperboliche distanze» vede il gruppo acquisire un maggiore respiro con gli innesti di Stefano Olivato, Marco Ponchiroli e Maurizio Trionfo, oltre che di Bebo Baldan, e la musica arricchirsi dei preziosi interventi di Paolo Damiani, Claudio Fasoli, Michele Calgaro, Pasquale Mirra, ed in Dabadada del flicorno di Enrico Rava.
Un ultimo consiglio: leggete, mentre ascoltate la musica e le parole di Riondino, le acute riflessioni di Andrea Emo, il cui testo integrale potete trovare all’interno del booklet.